Prestazione mostruosa di Mirco Turel, un “alieno” alla Kioene Arena

Supercoppa LNP, derby show: Turel scrive 41, Guerriero Petrarca elimina la Virtus

La copertina patinata della vernice stagionale ha impressa l’immagine glamour di uno spettacolare derby di Supercoppa Old Wild West. Sette anni dopo, il ritorno della stracittadina Virtus-Petrarca riserva una sfida emozionante e combattuta, ad alta intensità ed elevato punteggio. La vince il Petrarca, come era avvenuto due anni or sono nel confronto disputato a Rubano fra Virtus e UBP proprio in occasione del primo turno valido per la Supercoppa di Serie B, ma con la differenza sostanziale di una gara di ben altro spessore, giocata nel proscenio di prestigio della Kioene Arena.

“IL MAESTRO”. Titolo e foto di copertina del derby sono dedicati decisamente al “maestro” Mirco Turel (nella foto, credit Rocco Antonio D’Argento), che è sembrato provenire da un altro pianeta, segnando 41 punti con medie al tiro spaventose (14/19 dal campo, 9/14 da tre, 5/5 da due e 4/4 in lunetta). Lo scatenato esterno friulano, che alla fine registrerà un complessivo 45 di valutazione, ne mette 16 già in un primo quarto frenetico (30-29), siglando quattro triple a referto, anche se è la Virtus a fare la partita non capitalizzando a pieno un primo tentativo di allungo (25-17).
RITMI ALTISSIMI. I ritmi restano sostenuti anche nel secondo periodo: i ragazzi di Riccardo De Nicolao fanno l’andatura, ma il Petrarca resta aggrappato al match, impattando con un paio di triple dell’ex Morgillo e di Bombardieri (40-40). Il vento, però, soffia ancora dalla parte dei virtussini (58-52), che conservano un vantaggio stabile attorno alle 6-8 lunghezze anche nel corso della ripresa (74-66), trascinati da Paolin e Cecchinato (altro ex della serata). I bianconeri, scesi in campo con le maglie rosse a inserti bianchi in attesa delle nuove divise, non mollano comunque di un millimetro in difesa, riacciuffando il pari a quota 78.
ROTAZIONI ACCORCIATE. L’uscita per il quinto personale del giovane talento Marangon e un Francesco De Nicolao, gravato di falli a riposare in panchina, privano la Virtus di due pedine importanti, se non fondamentali. Ma anche coach Volpato ha i suoi grattacapi con le rotazioni stringate dalle indisponibilità di Stavla, out per un problema al ginocchio, e di Borsetto, ancora afflitto da guai muscolari a un adduttore e in panca per semplice onor di firma.
SORPASSO PETRARCA. Dopo aver trascorso tre quarti di gioco a rincorrere, il Petrarca riesce a mettere finalmente il naso avanti grazie a quattro liberi consecutivi (manco a dirlo) di Turel e a un canestro di Maran, senza tuttavia conquistare l’inerzia (78-84). Bastano infatti due tiri pesanti di Cecchinato e Paolin per ripristinare l’assoluta parità (84-84), aprendo a una volata finale degna del miglior thrilling: la Virtus si presenta avanti (94-92), ma non fa i conti con il cecchino Turel che spara ancora per due volte dietro la linea dei tre punti (94-95 e 94-98) per poi blindare il risultato (96-100).
Finisce in gloria, per i futuri bianconeri, il primo atteso derby della stagione. Il Petrarca avanza così ai sedicesimi di finale della Supercoppa LNP, dove incrocerà mercoledì prossimo la Rucker al PalaSaccon di San Vendemiano. Per la stracittadina se ne riparlerà il 30 ottobre a Rubano e il 19 febbraio a Montegrotto Terme.

ANTENORE ENERGIA VIRTUS PADOVA – GUERRIERO PETRARCA PADOVA 96-100
VIRTUS BASKET PADOVA: Cecchinato 24, Ferrari 17, Schiavon 2, Osellieri 4, De Nicolao F. 7, Ciadini n.e., Marangon 12, Paolin 22, Lusvarghi 5, Fiore n.e., Visentin 3. All. De Nicolao R. Ass. Garon.
UBP PETRARCA BASKET PADOVA: Bolpin 3, Vinciguerra n.e., Turel 41, Favaro n.e., Maran 8, Coppo 7, Bombardieri 5, Bianconi 3, Pauro n.e., Basile 9, Borsetto n.e., Morgillo 24. All. Volpato. Ass. Augusti.
Arbitri: Rodi di Vicenza e Bastianel di San Vendemiano (Tv).
Note: parziali: 30-29, 28-23 (58-52), 20-26 (78-78), 18-22 (96-100). Tiri liberi: Virtus 8/18, UBP Petrarca 23/27. Tiri da due: Virtus 23/44, UBP Petrarca 13/24. Tiri da tre: Virtus 14/27, UBP Petrarca 17/34. Rimbalzi: Virtus 32 (19+13), UBP Petrarca 36 (27+9).