Da un derby… all’altro. La 4. giornata della Serie B Old Wild West propone, domenica al PalaGoldoni di Vicenza (ore 18), la sfida tra i padroni di casa della Civitus Allianz chiamati al riscatto e la capolista Gemini Mestre (a punteggio pieno con Bergamo).

Dopo la pesante sconfitta sul campo di Fiorenzuola, per i berici è imperativo rialzare la testa. L’impegno, però, non sarà dei più semplici: arriva il Mestre capolista e imbattuto. Non solo un derby, ma pure una delle partite più difficili del campionato. La squadra di Cesare Ciocca arriva alla sfida ancora priva di Petracca (gli esami sostenuti dal lungo leccese hanno dato esiti positivi, quindi la sua assenza non è certa al 100%). Mestre, squadra profondamente rinnovata, ha iniziato vincendo le prime tre partite: San Vendemiano, Bernareggio e Desio si sono dovute arrendere alla formazione di Andrea Ferraboschi. I grifoni stanno segnando 83 punti a partita (con uno sfavillante 55% da due), frutto anche di una grande circolazione di palla (17 assist ad incontro); ed in difesa ne subiscono dieci in meno (73 punti a partita). Sotto le plance schierano il centro Matias Bortolin, 2.06 che viaggia in “doppia doppia” (20 punti e 10 rimbalzi a partita, tirando con il 68% da due) ben spalleggiato dall’ala Mathias Drigo: 10 punti e 9 rimbalzi di media, non disdegnando il tiro dalla lunga. Senza trascurare Stepanovic: classe 2000, 2.06 pure lui. Nel reparto guardie, trascinatori sono Casagrande (14 punti e 7 rimbalzi) e Petrucci, il play che serve 4 assist a partita segnando 13 punti di media. Con loro, il veterano e capitano Mauro Pinton, Fazioli, Dal Pos e Ianuale.

Proprio la società mestrina è reduce da una riuscita iniziativa. Ieri sera, si è conclusa l’asta online per le tre magliette biancoverdi “Limited Edition” targate Gemini: la n. 14 di Bortolin, la 8 di Drigo e la 23 di Agostino Marini. Hanno raccolto, rispettivamente 120, 115 e 81 euro che saranno devoluti al Progetto “Diamo il meglio a Giovanni” (bimbo di Piazzola sul Brenta nato con una rara malformazione alla tibia; per questo progetto è sempre in corso anche la raccolta tappi delle bottiglie di plastica). Ospite speciale della diretta Facebook, intervistato dal giornalista Paolo Lazzaro in compagni del direttore sportivo Franco De Respinis, c’era Dulaine Harris: ex cestista statunitense, protagonista della storica Superga Mestre che conquistò la promozione in A1. Tutti gli appassionati di basket hanno potuto così scoprire aneddoti e piccoli segreti, riassaporando almeno in parte il fantastico gusto della Mestre anni ’70-’80, “piazza” che profumava di grande basket, a cui l’attuale società del presidente Feliziani intende idealmente ricollegarsi nella continuità.

Non solo derby, ovviamente. Domani sera, infatti, scendono in campo Secis BCJesolo ed Antenore Virtus Padova. Reduci da amare sconfitte, l’una dal passivo pesante in casa con Cremona (88-61, avvio 0-11) e l’altra nel precedente derby veneto a San Vendemiano avendo regalato il primo tempo (chiuso sul -19). Ed impegnate entrambe in trasferta in scontri già decisivi: la formazione di Giovanni Teso a San Lazzaro di Savena con il Bologna 2016 (ore 20.30); quella di Riccardo De Nicolao poco più tardi a Bernareggio (ore 20.50) in una sfida che due stagioni fa valeva il vertice ed ora mette di fronte due squadre ancora al palo (con loro anche Lumezzane). Domenica, pure in trasferta, chiude il quadro per le cinque formazioni venete di categoria l’impegno della Belcorvo Rucker Sanve a Desio. Le squadre sono appaiate a 4 punti: i bianconeri di Marco Mian possono sfoggiare il centro Jacopo Vedovato appena eletto nel miglior quintetto di categoria (ma sconfitto, nella votazione per la miglior performance assoluta, da Alessandro Banchi di Cecina).