A2F – Va in scena il weekend dei derby

0
50

Undicesimo turno del campionato di serie A2 Femminile con un week end ricco di emozioni e di gare da non perdere.

Il big match si gioca a Crema (domenica, ore 18) con l’A.S. Vicenza che si confronterà con un’altra big del campionato, dopo il passo falso contro Moncalieri nel recupero del turno infrasettimanale. Le vicentine hanno voglia di riscatto, così come Crema che non attraversa un grande momento di forma.

Ci si attendono emozioni anche al PalaCicogna dove andrà in scena il derby tra Schiavon Ponzano e Basket Sarcedo (sabato ore 19 diretta Youtube): le due squadre sono separate da due punti in classifica e arrivano da due momenti diversi. Ponzano è recude da tre vittorie in quattro gare, Sarcedo da due ko, di cui l’ultimo beffardo contro Udine. Sarà una partita speciale per la grande ex, Federica Iannucci. «Ci aspetta una gara difficile – dice il coach di Ponzano Nicolas Zanco – Sarcedo è una squadra esperta che ha dimostrato di poter competere con le grandi del nostro girone battendo Crema e Moncalieri. Hanno tanti punti nelle mani, in particolare dovremo fare attenzione a Pieropan, ma anche sotto canestro hanno tanto talento. Dovremo fare una partita con tanta energia, provando a tenere i ritmi molto alti, perché è uno dei nostri punti di forza, migliorando gli aspetti difensivi che ci hanno aiutato a cambiare la nostra mentalità e a conquistare tre importanti vittorie nelle ultime quattro gare».

L’altro derby invece si disputa a Villafranca dove la Drain by Ecodem Alpo ospita il Fanola San Martino di Lupari (sabato, ore 18 diretta Youtube): Alpo sembra aver ritrovato ritmo in questo campionato, grazie a tre vittorie consecutive e non è completamente tagliata fuori dalla corsa ai primi quattro posti, ma le Lupette vogliono provare a interrompere le sette sconfitte consecutive. «Questo dato mi preoccupa molto – ammette il coach biancoblù Nicola Soave – San Martino in queste sconfitte è sempre rimasto in partita ed è una squadra viva, che lotta e che mette tanta energia in campo. Non dovremo pertanto commettere l’errore di sottovalutare l’impegno perché sarebbe molto pericoloso per noi».