Oderzo campione d’inverno! La squadra di Furio Steffè ha vinto lo scontro al vertice con Ubp. Al 3° posto, un quintetto di squadre.

0
87

La Sporting Club Oderzo è campione d’inverno! La formazione di Furio Steffè si è aggiudicata per 74-67 l’avvincente scontro al vertice con la Guerriero Ubp (nella foto di Eleonora Pavan un’immagine del match).

In una gara “ad elastico” gli opitergini, che hanno chiuso con quattro giocatori in doppia cifra (Diminic 17 punti e 9 rimbalzi, Venturelli 16 + 11, Ronconi 16 e Boaro 12 + 7 assist), hanno messo subito le cose in chiaro: con un 11-0 in avvio schierandosi a zona e segnando le prime tre triple (11/30 in totale). Da lì iniziava appunto la rincorsa dei biancoscudati, che si rifacevano sotto una prima volta sul 13-10 con Chinellato (13 alla fine) e poi impattavano sul 27-27 con due triple consecutive di Contin e Andreaus (16 punti per il capitano padovano). Qui, però, i padroni di casa piazzavano un altro parziale di 10-0. Nella ripresa Oderzo, continuando a crivellare dalla lunga distanza (Boaro 4/6 dall’arco), toccava il massimo vantaggio sul +12 (60-48) e si riportava ancora sul +9 nell’ultima frazione con la tripla di Diminic (68-59), vantaggi peraltro sempre rintuzzati da Padova. I locali, però, arrivavano a disputare la volata finale senza tre pedine importanti – Diminic e Alberti usciti per falli; Ibarra che, dopo aver irretito con il suo comportamento gli avversari, si innervosiva rimediando tecnico ed espulsione per proteste-: l’Ubp tornava per l’ennesima volta ad un solo possesso di distanza (68-65 tripla di un ispirato Tognon, 14 punti), ma non riusciva poi nel sorpasso.

Padova, peraltro, mantiene quattro lunghezze di vantaggio sulle sue più dirette inseguitrici. A parte il Bam che riposava, infatti, hanno perso Gemini Murano, Motomarine Trieste e Orange Oxygen. La formazione di Andrea Ferraboschi (Chiorri 15, Cresnar 12 punti ed altrettanti rimbalzi), giunta così al suo quarto stop consecutivo, è stata sconfitta in casa 71-67 dal fanalino di coda With-U Verona (il solito Caridi da “doppia doppia” con 16 punti e 11 rimbalzi ben supportato da altri tre in doppia cifra); la “Cesta”, che durante la pausa natalizia ha ritirato ufficialmente la divisa n. 5 del suo storico ex capitano Mattia Zampieri, dovrebbe annunciare a breve un importante acquisto (la guardia Usa Sonny Stansbury, figlio del campione Nba Terence, l’anno scorso proprio a Murano). Lo Jadran (Ban 18 con 10/11 ai liberi), invece, ha ceduto le armi con quasi trenta punti di scarto (80-51) sul campo della Winner Plus Pordenone: tra i locali, che già avanti di 21 lunghezze all’intervallo agganciano così a loro volta la terza piazza, da segnalare le prove di Mbaye (21 punti + 11 rimbalzi) ed il talentuoso Truccolo (18 con 4/9 da tre). I giovani del Bassano (Bogliardi 21) sono stati battuti per 69-56 a Riese (42-29 al 20′) dal The Team privo del suo “totem” e grande ex Carlesso, che dovrà operarsi al menisco (tre locali in doppia cifra, Bevilacqua 17 punti e 10 rimbalzi).

Per la zona bassa della classifica, oltre al rotondo successo ottenuto per 84-61 dalla Bluenergy Codroipo (Munini 18 + 9 rimbalzi, Mozzi 16 + 11), che pure era andata sul -2 all’intervallo, nel match di apertura con la Vetorix Mirano (Scancelli 18, Ricky Serena 15), da registrare la vittoria della Montelvini Montebelluna (quattro in doppia cifra, Sacchet 23 con 5/7 da tre) per 77-70 sul campo del Gruppo SME Caorle (Rizzetto 22, Musters 13 + 12) in uno dei tre successi esterni del turno. Il terzo, invece, è stato quello ottenuto di misura per 65-63, dopo aver sempre condotto, dalla Calligaris Corno di Rosazzo (Zacchetti 15, Macaro 12) in quel di Jesolo con i padroni di casa della Secis (Ruffo 13).