Milano vince il Memorial Osti

0
144

Il ponte dell’Immacolata, su quattro campi di gioco dislocati tra Padova e provincia, è stata l’occasione per rinnovare l’ormai tradizionale appuntamento con una Festa del Minibasket.

Si disputava, infatti, la 18. edizione del “Memorial Marcello Osti”. La manifestazione, intitolata allo storico segretario della società padovana e riservata agli Aquilotti, è ormai un appuntamento classico del minibasket a livello nazionale ed ha visto la partecipazione di ben 16 formazioni. L’edizione 2017 è stata vinta dall’Olimpia Milano 1936, che ha così bissato il successo dell’anno precedente, battendo nella finalissima disputata in un palasport di Rubano gremito e festante la Virtus Padova società organizzatrice (e capofila del consorzio “Tutti per Padova, Padova per tutti” che coinvolge una decina di società).

Al di là del successo sul campo, però, si è trattato appunto di una vera festa. Nel corso delle premiazioni, svolte alla presenza del patron virtussino Gianfranco Bernardi e tenute da quattro giocatori delle prime squadre neroverdi (Chiara Moscardo della squadra di Baskin; Federico Schiavon, Stefano Calzavara e Federico Buia della squadra che milita in serie B), hanno manifestato la loro soddisfazione per la continuità di questa importante manifestazione sia le autorità locali (gli assessori allo sport dei comuni di Padova e Rubano) sia quelle federali, rappresentate dal presidente Fip provinciale Flavio Camporese e dal consigliere regionale Lamberto Morello. Proprio la Fip, fornendo i mini-arbitri coordinati dal formatore provinciale Michele Previatello, ha contribuito all’ottima riuscita della manifestazione.

L’elenco completo delle 16 squadre partecipanti: le padovane Beavers Monselice, Buv Vigonza, Cangurino Roncaglia, Cmb Orfeo e Virtus; le altre venete San Bonifacio, Altavilla, Mba Bassano, Marostica, Vigodarzere, Riviera, Mestre e Oderzo (terza, nelle cui fila Samuele Boni è stato votato miglior giocatore della manifestazione); le milanesi Olimpia 1936 poi appunto campione e Sangiorgese; l’emiliana Benedetto 1964 Cento.